Articoli marcati con tag ‘Veltroni’

Pd….il dopo

Un bell’articolo di Claudia Macina da “Il Riformista”.

… ma mi sa che non andrà così.

Non viene neanche citato l’interregno di Franceschini, sempre più grigio ed inutile.

Interessanti  i commenti dei lettori, anche quelli che rimasticano il “fronte democratico di oposizione”. M anon è ora di cambiare (anche il linguaggio)?

L’addio a Walter

E così il buon Walter ha lasciato. Ho seguito parte del suo discorso di addio, nel quale si è addossato la colpa della disfatta sarda ma anche no. Insomma, il leitmotiv di tutta la sua conduzione del partito democratico, un colpo al cerchio ed uno alla botte. In modo da ondeggiare fra Di Pietro e la Binetti senza mai dare uno straccio di direzione univoca. Insomma I care, we can, youdem.

Non metto in dubbio il fatto che le correnti interne abbiano “dato più di una mano” perchè si giungesse a questa conclusione e le uscite di Bersani, della Bindi, il lavorio neppure troppo sotterraneo di D’Alema non hanno certo contribuito a costruire quell’opposizione di cui il paese ha bisogno. Penso che l’elettorato che ha creduto nel progetto PD (ex- PDS, ex-Quercia, ex- mi sono dimenticato qualcosa?) abbia fondamentalmente capito che con questo tipo di opposizione sempre in rincorsa, sempre livorosa, sempre “voglio ma non posso”, non si arrivi da nessuna parte.

Sulla crisi totale del PD andrebbe ascoltato quanto detto da Pansa a “La zanzara” di Cruciani a Radio 24 questa sera.

E la demagogia fa il botto.

Oggi mi va di fare un po’ di demagogia.

Se da una parte la CGIL indice uno sciopero (!) “contro la crisi”,  la Lega invoca le ronde, Casini chiede più polizia e Veltroni, il più geniale di tutti, presenta un piano da 16 miliardi di eurozzi (guardandosi bene dal rivelarci dove li va a prendere), allora mi domando perchè anch’io non possa fare lo stesso.

E allora il mio piano anti crisi sarebbe di 32 miliardi di euri ma oltre a questo, giusto per dare il buon esempio e far vedere che il Palazzo è vicino al cittadino in bancarotta, propongo anche il dimezzamento delle prebende parlamentari e l’immediata l’abolizione di tutti i benefit.

Sono stato bravo, no?

Stupri e politica

Anche in uno Stato il più militarizzato e poliziesco possibile, una cosa del genere può sempre capitare. Non è che si può pensare di mettere in campo una forza tale, dovremmo avere tanti soldati quante sono le belle ragazze, credo che non ce la faremo mai

……

L’ennesima battuta del premier di fronte al dramma delle tante donne violentate in questi giorni – ha sottolineato il segretario del Pd Walter Veltroni in una nota – è una dimostrazione ulteriore di scarsa responsabilità e di scarsa sensibilità per una forma di violenza che segna la vita delle persone che la subiscono». Per Veltroni Berlusconi «ignora il dramma della violenza sessuale, offende le donne italiane e smentisce se stesso sull’utilità dell’impiego dei militari».

…..

D’altro canto il portavoce di Forza Italia Daniele Capezzone spiega che «il premier ha detto una verità evidente e di buon senso: purtroppo non basterebbero milioni di militari per evitare alcuni fatti criminali e sciagurati, che vorremmo non avvenissero mai, ma invece a volte accadono, procurando dolore e indignazione». «Tutti gli italiani – ha aggiunto Capezzone – capiscono questo concetto, tranne i dirigenti della sinistra. È davvero avvilente che una sinistra allo sbando provi a stravolgere il senso delle parole dette da Silvio Berlusconi».

Risulta evidente che il vero insulto all’intelligenza degli Italiani è rappresentato dal leader dell’opposizione che interviene a sproposito su qualsiasi argomento.

D’altra parte da uno che ha dichiarato che una casa a New York ormai tutti se la possono permettere, per poi agitare un giorno si ed uno no lo spuracchio della crisi, che cosa ci si può aspettare.

Forse ce lo spiegherà nel prossimo libro che si farà scrivere.

 

Walter scartato dal “Milionario”?

Veltroni critica le trasmissioni che dispensano soldi. Read the rest of this entry »