Articoli marcati con tag ‘Partito Democratico’

Vincitori e vinti

D’altra parte che cosa poteva dire….

Sto parlando del povero Bersani, quello che non riesce neppure a vincere le primarie con un suo candidato, e che dopo le amministrative canta vittoria. Certo, la situazione del centrodestra è ancora più catastrofica. La Lega ha chiaramente perso, tranne il suo rappresentante a Verona che, se ce fosse stato bisogno, ha nuovamente dimostrato che gente capace e con un cervello ottiene risultati che vanno al di là dell’appartenenza ad un partito.

Svaporate anche le velleità del ‘terzo polo’, un’accolita di ex e che non si capisce dove insieme vogliano andare. Mi chiedo cosa abbiano in comune il cattolico divorziato Casini e l’immobiliarista Fini.

Comunque “le amministrative non rappresentano un test politico di livello nazionale”. Sarà….ma la situazione mi sembra abbastanza preoccupante. Soprattutto per quel che concerne la consapevolezza dei partiti “tradizionali” che non capiscono, o fingono di non capire, che il vento in questo momento tira da un’altra parte.

La crisi economica, scatenata dalle banche e dal sistema finanziario mondiale, unita ad una classe politica fondamentalmente ladra (non tutti, per carità) e concentrata sui propri interessi di bottega, con l’avvento del Governo Monti e della politica basata esclusivamente sul rigore, oltre ad altre madornali cantonate, ha fatto in modo di scatenare un moto di protesta che ha visto come terminale l’astensionismo da una parte ed il voto “di protesta” dall’altra.

Che cos’è il movimento di Grillo? Molti dicono che assomigli alla Lega dei tempi andati, quando rappresentava le istanze di una parte del nord Italia nei confronti dello Stato “ladrone”. L’approdo a Roma ed al potere cambia poi tutto.

Ma la stessa cosa la si può forse dire anche per quella che è stata Forza Italia. Tutte e due i partiti sono però stati caratterizzati da un fattore fondamentale: la personalità del leader che rappresenta la grande forza ma, allo stesso tempo, la grande debolezza del partito.

Il movimento 5 Stelle non sarà purtroppo (o per fortuna) diverso. Guidato da un grande comunicatore, si imbastardirà mano a mano che acquisterà potere.

E adesso? Adesso è il momento di una seria riflessione per tutte le forze politiche che devono scontare quelle che sono le istanze dei ‘sudditi’. La crisi economica, la morsa fiscale, l’assenza del credito alle imprese, il mancato pagamento dei debiti della pubblica amministrazione, la razionalizzazione della spesa pubblica, la chiusura degli enti inutili e si potrebbe continuare ancora a lungo, sono cose che non possono più essere ignorate.

Per quanto mi riguarda, hanno perso tutti. Cittadini compresi.

Sveglia Italia…..

Bersani, al congresso del PD in cui si sono presenteti i tre pretendenti al tono del partito (oltre a lui Franceschini e Marino), ha riesumato una frase di Romano Prodi: “Bisogna svegliare l’Italia!”.

Siamo a posto….

Prodi che dorme

Uno non fa in tempo….

…a tornare dalle ferie, che il PD si inventa la raccolta di firme “anti-Governo”, con questi risultati.

L’utilizzo dell’Esercito nel pattugliamento delle strade, sembra stia raccogliendo il favore della gente, al contrario di quanto pensi l’opposizione.

Suggerimento al PD: cambiate strategia!! Chessò….mai pensato ad un un bell’autunno caldo?!?!

All’armi (e allarmi)

Monta la polemica sull’utilizzo dell’esercito nelle principali città italiane come supporto alle forze dell’ordine. Si parla di militarizzazione (Mura, IDV) , di scelta inutile e sbagliata (Finocchiaro, PD), fino ad arrivare a “non è con la paura che si governa il Paese” (Minniti, ministro-ombra sempre del PD).

Nell’attesa che, dopo la parte critica di forte opposizione, si pervenga ad una fase propositiva di alternativa alla proposta del Governo, mi permetto di dire la mia.

In Italia abbiamo un altro esercito, che pochi conoscono e che è ben radicato nel territorio e nella società. Lo ha scovato per noi il ministro Brunetta. 

L’articolo del Giornale, non so perchè, mi ha indicato la soluzione più ovvia su chi mandare per strada….

Per sempre.