E la FNSI manifesta….

Cosiderato il fatto che non me ne frega niente, solo oggi vengo a conoscenza del fatto che la FNSI insieme al variegato mondo delle associazioni sindacali e dei “movimenti” (assolutamente tutti democratici, antifascisti ecc,ecc) hanno deciso di postporre la manifestazione per la libertà di informazione al 3 ottobre.

Continua a non fregarmene niente anche perchè non mi sembre che la libertà di stampa ed espressione sia minimamente in pericolo nel nostro paese. Le voci dissonanti e dissenzienti hanno la possibilità di dire e fare ciò che gli garba e anzi, approfittano anche di generosi contributi governativi. Così come tribuni televisivi continuano a fare il bello e cattivo tempo e a starnazzare indignati come comari di paese.

E’ curioso invece il fatto che, oltre la suddetta FNSI, anche il CNOG (per i profani come me: Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti) aderisca alla suddetta manifestazione. Sono quelli insomma che danno il patentino da giornalista, stabiliscano che possa o no scrivere sui giornali, chi possa firmare i propri articoli ecc.ecc. Una casta insomma, una delle tante che ci sono in Italia e che dovrebbero (come altre) essere smantellate.

Cito dal comunicato del suddetto CNOG:

Da troppo tempo i giornalisti sono sottoposti a pesanti attacchi da parte del potere politico persino con termini come “delinquenti e farabutti”. Il clima che si sta creando tende a condizionare il loro diritto-dovere di informare e criticare.

A parte il fatto che anche fra i giornalisti vi possano essere “delinquenti e farabutti” e che non solo loro siano legittimati invece a farlo, mi chiedo quante volte abbiano sputtanato della povera gente, con la scusa di fare informazione, senza verificare le fonti, senza uno straccio di prova e senza scusarsi una volta scoperti con le mani nella marmellata.

E’ questa la libertà di informazione?