Lo sgombero della Galfa

Torre Galfa, a Milano vicino alla stazione Centrale e occupata dal collettivo Macao, è stata sgomberata questa mattina.

L’occupazione è durata dieci giorni e un po’ sorprende il tempestivo intervento delle forze dell’ordine nella città guidata da Pisapia. A mobilitarsi contro lo sgombero i soliti noti della Kultura (rigorosamente con cappa e maiuscola), fra i quali l’immancabile Dario Fo.

Già sono aprite le polemiche anche nei confronti del sindaco che avrebbe permesso o non si sarebbe opposto allo sgombero. Ovviamente si sono sentiti tutti quegli slogan triti e ritriti contro il capitale, la mancanza di spazi per i giovani, per gli artisti ecc.ecc.

A parte che non capisco chi dia la dignità od il patentino di artista, non vedo perché i suddetti non possano pagarsi un affitto come tutti gli altri, evitando di irrompere abusivamente in proprietà altrui, anche se queste sono in disuso od abbandonate.

Mi chiedo come i suddetti reagirebbe all’occupazione abusiva della propria casa al mare durante il periodo invernale…”intanto non c’è nessuno”.

Piuttosto mi viene un’altra domanda: mettiamo che durante l’okkupazione crolli il palazzo e rimangano li sotto 200 persone. Chi sarebbe ritenuto responsabile?