Fassino e Veltroni alla Fachhochschule.

Gli articoli sono questo e questo. Nuova polemica sulla scuola.

Qualcuno mi può spiegare come funziona adesso? La preparazione linguistica di un immigrato (non sono abbastanza “politically correct” e non uso “migrante”, perchè la parola mi fa schifo) chi la verifica? C’è qualcuno che stabilisce l’idoneità per frequentare una data classe sia dal punto di vista della preparazione individuale sia da quello della pura comprensione linguistica? Se Walter e Piero emigrassero nottetempo in Germania, sarebbero in grado di frequentare la Fachhochschule?

Mia figlia ha avuto come compagni di classe figli di immigrati, la maggior parte dei quali non ha conclusoo l’anno per evidenti difficoltà linguistiche. Non credo che in questo modo si aiuti l’inserimento nella società. Al contrario in questo modo si discrimina. Si, si discrimina perchè non vengono offerte le stesse possibilità, non si consente che tutti partano ad armi pari.

Nessuno credo voglia creare corsidi studio di serie B o di paria. Credo invece che se si ragionasse un po’ di più senza i paraocchi dell’ideologia e del “dare contro” ad ogni costo e su ogni argomento, ci si renderebbe conto che l’accesso degli immigrati alla scuola come è strutturata adesso, produce soltanto un gran numero di discriminati, non in grado di competere nella nostra società.

Mi viene il dubbio che sia è proprio ciò che si vuole ottenere.